Parkour Wave | JungleWave
Join the Rebellion
Parkour Wave
51200
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-51200,cookies-not-set,qode-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,brick child-child-ver-1.0.0,brick-ver-1.5, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_with_content,width_470,wpb-js-composer js-comp-ver-4.6.2,vc_responsive

JungleWave Camp

 

EDIZIONE 2019

Link alle preiscrizioni:https://tinyurl.com/y3jf35fd
Link alla liberatoria: https://tinyurl.com/yyhpmwjt
Link “FAQ & HINTS”:

 

Quando è stata l’ultima volta che ti sei svegliato immerso nella natura prima che il sole si levasse? Hai mai camminato nell’oscurità, a piedi nudi, ascoltando i rumori della notte? Qual è l’ultima volta che hai meditato facendoti accompagnare dallo sciabordio di un torrente di montagna?

Dalla notte dei tempi, gli umani sono stati connessi all’ambiente che li circondava, ma l’era della tecnologia, ha portato con sé un progressivo distacco dalla natura.
Questo evento mira a risvegliare una consapevolezza personale attraverso l’immersione intensiva in un ambiente naturale. A partire dal reinterpretare la percezione di spazio, svilupperete degli strumenti per indagare le vostre radici e per espandere il vostro panorama di conoscenze nell’ambito dell’allenamento fisico.

Dopo un anno di stop torna l’evento estivo del JUNGLEWAVE CAMP che per la sua quarta edizione… si presenta con due possibilità per voi:

– JUNGLEWAVE CAMP (Classic Edition)

– JUNGLEWAVE RETREAT (Supernatural Edition)
Un’esperienza full-immersion letteralmente senza orari, saranno quattro giorni di attività intense e fuori dall’ordinario.

Due versioni distinte con due format diversi e attività separate, ma lo stesso spirito: riscoprire la nostra natura selvaggia.

 

JungleWave CAMP è un progetto/evento per far conoscere e applicare il metodo JungleWave e parkour in Natura!

La location sono le affascinanti cascate del Serio che faranno da cornice agli allenamenti in ambiente naturale, selvaggio, lontani dal cemento e dal caos quotidiano.
In questi 2 giorni si potrà praticare Parkour e in parallelo creare un area di fusione in cui svilupperemo un metodo di allenamento specifico: “JUNGLEWAVE”. Grazie a questo “metodo” metteremo a confronto i praticanti con nuovi stimoli e idee,  cercando di creare momenti di condivisione e sperimentazione motoria.

Il nostro secondo intento, tramite JungleWave CAMP, è quello di promuovere la zona di Valbondione il più possibile, affinchè la favolosa pietraia con i suoi blocchi venga riconosciuta come luogo perfetto per la pratica di queste discipline. Ma attenzione, JungleWave Camp non è solo un luogo o un allenamento, è un’esperienza di crescita e sfida personale.

LE DISCIPLINE

PARKOUR: Abbreviato in PK, è una disciplina metropolitana e non, nata in Francia agli inizi degli anni ‘80. Consiste nel superare qualsiasi genere di ostacolo, all’interno di un percorso, adattando il proprio corpo all’ambiente circostante . I primi termini utilizzati per descrivere questa forma di allenamento furono “arte dello spostamento” (art du déplacement) e “percorso” (parcours)
JUNGLEWAVE: E’ un metodo di allenamento che prende ispirazione dal “METODO NATURALE” o “HEBERTISMO”. Consiste nell’allenarsi riproducendo tutta la gamma di movimenti tipici della nostra specie (come correre, saltare, muoversi in equilibrio, arrampicare, ecc..) e avendo come obbiettivo uno sviluppo fisico completo. Il metodo “Junglewave” fonde Parkour e Metodo Naturale ottenendo così una disciplina ancora più completa, stimolante ed efficace.

In ambiente selvaggio, l’ascolto verso sé stessi è favorito dalla quiete circostante e da una riconnessione con i cicli “naturali”, che acutizza i sensi.

JungleWave è adattamento del metodo di educazione fisica del Parkour, di cui mantiene tutte le contaminazioni, da quelle marziali, al metodo naturale di G. Hébert, e addirittura dalla danza. Queste ultime trovano uno spazio di rielaborazione e di espressione maggiore e più diversificato rispetto a quanto accade nella pratica “ordinaria”.

In città infatti, forze ordinatrici e accentratrici fanno da padrone e agiscono in ogni campo, non ultimo quello del movimento. L’industria del fitness ne è esempio lampante, caratterizzato dalla creazione di pacchetti standard che rinchiudono il benessere psicofisico in “confezioni” patinate e attraenti, atte ad essere consumate e subito abbandonate.

Il praticante di Parkour stesso, in città si trova a dover lottare costantemente contro l’adattamento ad un ambiente statico e regolare, rischiando di adagiarsi e autolimitarsi nella pratica della disciplina.

JungleWave, per sua stessa nascita si sviluppa su un territorio mutevole, che riflette perfettamente la caoticità tipica del movimento stesso.

In questo modo i praticanti sono continuamente spinti a esplorare, interrogarsi e rielaborare gli approcci al proprio habitus mentale e alle proprie zone di comfort. Non servirà più pensare all’economia dei movimenti, alla loro completezza o pulizia poiché esse emergeranno dall’adattamento al caos motorio.

JungleWave è metodo di allenamento generico che coinvolge l’insieme mente-corpo-spirito atto a rendere il praticante sempre pronto ad affrontare qualunque situazione. Questo, nel rispetto delle diversità individuali e mirando a far crescere la persona e non solo l’atleta, eliminando pregiudizi, preconcetti e contenere la tirannia dell’ego.

E’ olistico e adattativo (adattamento come fonte primaria di evoluzione e di selezione naturale), progressivo, scalabile, equilibrato, generico e non specializzato, rispetta le diversità naturali di ogni praticante e l’integrazione mente/corpo/spirito alla ricerca dello sviluppo completo di tutte le componenti organiche, coordinative, intellettive e morali.