Error type: "Forbidden". Error message: "The request cannot be completed because you have exceeded your quota." Domain: "youtube.quota". Reason: "quotaExceeded".

Did you added your own Google API key? Look at the help.

Check in YouTube if the id parkourwave belongs to a username. Check the FAQ of the plugin or send error messages to support.
Parkour Wave | Dietro al salto
Join the Rebellion
Parkour Wave
52160
post-template-default,single,single-post,postid-52160,single-format-standard,cookies-not-set,qode-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,brick child-child-ver-1.0.0,brick-ver-1.5, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_with_content,width_470,wpb-js-composer js-comp-ver-4.6.2,vc_responsive

Dietro al salto

Il Parkour non è definito da un gruppo di tecniche, un salto o un movimento specifico.

 

Il Parkour è definito da una mentalità. Uno stato mentale, un modo di fare le cose. Non è il cosa fai ma il COME lo fai, e altrettanto importante il PERCHE’ lo fai. Qual’è la motivazione che ti muove, qual’è il tuo fine. Crescendo come veterano e amante del movimento mi rendo conto che è la mentalità che rimane e dura, mentre l’effimera performance da urlo se ne va.

 

Quando ho cominciato ad allenarmi con David Belle non si trattava solo di saltare. In realtà saltare e rischiare la vita o un infortunio occupava solo il 20-30% dei nostri allenamenti. David mi stava insegnando come crearmi una “Body Armour” attraverso svariati esercizi di condizionamento; mi stava insegnando a combattere (in realtà allora le sessioni di combattimento consistevano soprattutto nel farmi prendere a calci nel culo); mi stava insegnando a sollevare una roccia pesante e a lanciarla, a sollevare tronchi, lanciare coltelli con precisione, a non dormire la notte e a misurarci improvvisamente con salti strani e psicologicamente difficili; mi stava insegnando come farne ancora uno quando dicevo che era l’ultimo… e così via.

Potevamo impiegare ore solo per fare circonduzioni delle dita e condizionarle o per far ruotare caviglie e polsi con grande attenzione e focus… Tutto ciò per me, seguendo alla ceca gli insegnamenti di David, era il Parkour. Tutti questi esercizi differenti e le cose che facevamo, tutto ciò era una sola cosa: Parkour. Si trattava di trovare interesse in ogni possibile movimento, diventare più forti fisicamente e mentalmente attraverso una cultura della sfida costante.

 

Il Parkour è una disciplina molto più profonda rispetto a sbloccare un trick e caricarlo su youtube. Porta con sè profondità, auto-crescita, ricerca della propria identità e di modi per meglio comprendere la vita in generale e per diventare più autonomi ed equilibrati. E le persone e la comunità possono beneficiare da tutto questo. Gli ostacoli sono materiale per la crescita.

 

Vivi libero e muoviti.