Parkour Wave | Chiamata alle armi
Join the Rebellion
Parkour Wave
51477
post-template-default,single,single-post,postid-51477,single-format-standard,cookies-not-set,qode-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,brick child-child-ver-1.0.0,brick-ver-1.5, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_with_content,width_470,wpb-js-composer js-comp-ver-4.6.2,vc_responsive

Chiamata alle armi

Come molti di voi già sapranno, qualche giorno fa è uscito un articolo sul blog di Blane che ha scosso tutta la comunità del Parkour mondiale.

Prima di continuare questo articolo, sarebbe opportuno dare un occhio all’argomento in questione. Potete leggerlo qui nel blog originale.

Leggendo l’articolo, abbiamo tutti avuto la stessa reazione, tutti i praticanti anziani sanno perfettamente di cosa parlo: è stata una grandissima ondata di motivazione, di voglia di non arrendersi contro questa causa (non persa) che difende la nostra disciplina, ciò in cui crediamo, i valori con cui ormai viviamo giorno per giorno, che rappresentano tutto ciò che il Parkour è.

La grande energia che le parole di Blane hanno lasciato a migliaia di noi, sarà fonte di grande ispirazione per molti, una ricarica che di questi tempi serve a ricordarci che non siamo poi così pochi a pensare che certi valori hanno ancora importanza, oltre ad essere molto più fondamentali di qualsiasi altra cosa.

Colgo l’occasione, tramite questo articolo un po’ fuori dagli schemi, per condividere personalmente con voi un video che non poteva essere caricato in un momento migliore.

L’autore è il nostro grande amico Ura, un praticante che ha contribuito all’inizio di questa disciplina in Italia molti anni fa, con il quale io stesso ho avuto l’immensa fortuna di cominciare anni dopo, e che nel 2007/2008 riprese i suoi primi risultati e li mise in un video, che ora è stato ricaricato nel suo canale.
Che possa essere d’aiuto a tutti quei nuovi praticanti di questi nuovi anni, che possa far capire meglio i valori che una volta il Parkour aveva, le cose importanti di cui ci si curava, e quelle che non si prendevano nemmeno in considerazione (e che ora pare abbiano preso il sopravvento).

Che possa mostrare la fatica, la passione, e la genuina umiltà che c’è dietro ogni conquista.

In Italia con Ura, e più in generale con Blane, è grazie a praticanti come loro se molti di tutti noi siamo arrivati dove siamo ora.

Saiu